lunedì 11 aprile 2011

150° anniversario della spedizione dei mille in francobollo


La spedizione dei Mille è un episodio del periodo risorgimentale italiano, avvenuto nel 1860 quando un corpo di volontari, al comando di Giuseppe Garibaldi, partendo dalla spiaggia di Quarto, in Liguria, sbarcò in Sicilia, presso Marsala.
Lo sbarco  a Marsala dei garibaldini fu favorito da diverse circostanze, come la presenza nel porto di due navi da guerra della Royal Navy, giunte per proteggere le imprese inglesi della zona, come i magazzini vinicoli Woodhouse e Ingham e che finì per condizionare l'operato della Real Marina duosiciliana ed il ritardo con cui le navi da guerra borboniche giunsero nelle acque marsalesi, da cui conseguì un'azione difensiva tardiva e sterile.
Inoltre, i comandanti borbonici, ignorando le segnalazioni dei servizi di informazione napoletani, appena un giorno prima dello sbarco, avevano fatto rientrare a Palermo le colonne del generale Letizia e del maggiore d'Ambrosio, per far fronte al pericolo d'insurrezione nella capitale siciliana. Questo cambiamento, però, fu fatale in quanto, al momento dello sbarco, non vi erano truppe di terra né a Marsala, né nei dintorni.
I Mille, affiancati da 500 "picciotti", ebbero un primo scontro nella battaglia di Calatafimi il 15 maggio del 1860 , contro circa 4.000 soldati borbonici. Qui,Garibaldi pronunciò la frase «italiani, qui bisogna morire!» sottolineando la necessità di quell'azione pericolosa. Lo stesso Garibaldi rischiò la vita e venne salvato con un eroico gesto da Augusto Elia, che riportò un grave ferita al volto.
Lo storico incontro tra Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II, avvenuto il 26 ottobre del 1860, è un episodio della storia risorgimentale, con il quale si concluse la spedizione dei Mille.
Il re di Sardegna Vittorio Emanuele II aveva occupato i territori pontifici nelle Marche e nell'Umbria ed era andato incontro a Giuseppe Garibaldi, che aveva respinto il tentativo di controffensiva dell'esercito borbonico nella battaglia del Volturno e aveva completato la conquista del Regno delle Due Sicilie, con lo scopo di impedire che la spedizione continuasse fino alla conquista di Roma, che avrebbe provocato l'intervento di Napoleone III e messo a repentaglio le conquiste effettuate. Garibaldi ottenne che i volontari garibaldini entrassero, dopo una selezione, nell'esercito regolare sardo, con il medesimo grado rivestito nella spedizione e si ritirò a Caprera. L'incontro ebbe il significato di una adesione del generale alla politica di Casa Savoia, deludendo le aspettative di coloro che auspicavano la fondazione di una repubblica meridionale di stampo mazziniano, che avrebbe dovuto in seguito estendersi anche ai domini papali, conquistando Roma.
L'incontro è passato alla storia come "incontro di Teano"

21 commenti:

  1. Interesting history. Those stamps are gorgeous, so detailed.

    RispondiElimina
  2. Great photos and very interesting information :-)

    RispondiElimina
  3. Wonderful stamps. I collect them and I would love to have them in my collection.

    RispondiElimina
  4. Che post cara Elettra, qui troviamo la storia vera di come l'Italia è nata.
    Grazie di averla pubblicata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Wonderful Stamps! Cannot read the text, but from the stamps, It's obvious that they represent a historical war.

    RispondiElimina
  6. Innteressantissima questa rivisitazione dello sbarco dei Mille a Marsala. E i francobolli commemorativi sono bellissimi.

    RispondiElimina
  7. Good that there are still people who pay attention to such details!

    RispondiElimina
  8. Post eccezionale Elettra...!

    RispondiElimina
  9. Cara Elettra, che bel post, interessante e bello, come sempre!!!
    In modo originale hai proposto una delle più belle pagine della nostra storia.
    Complimenti!!!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  10. Come sempre interessante rivisitazione storica dell'epopea di Garibaldi. ciao

    RispondiElimina
  11. Hmmm, according to my calculations, it's been 151 years!
    Nice stamps and nice post as usual!

    RispondiElimina
  12. Greetings. This is so very interesting...I know nothing of Italian history so was pleasantly surprised to read your commentary and look at all those stamps. Interesting how down through the years most countries spent most of their time fighting internally or externally. Sad. I'm not sure we've learned a thing yet.

    RispondiElimina
  13. Bellas escenas historicas, con la gracia del arte. Muy interesante post, amiga Elettra.

    Un beso,

    Luis.

    RispondiElimina
  14. Interesting, Elettra... I love to read the history... Thanks!!!! AND--to see it commemorated by the use of stamps is wonderful. Thanks for sharing.
    Hugs,
    Betsy

    RispondiElimina
  15. Testi e fotografie vanno sempre di pari passo da te, Elettra!
    Trovo ottima la stampa dei francobolli, sono molto espressivi e commemorare la spedizione dei Mille è doveroso, specialmente ora che ricorre il 150°.
    Bravissima, complimenti!

    RispondiElimina
  16. Thanks for sharing this history and the beautiful stamps. As a stamp collector I really appreciate the history that stamps can tell, although I'm glad you provided more detail.

    RispondiElimina
  17. que interesante información, es algo que seguramente no hubiera sabido, siempre es grato leerte.
    besos

    RispondiElimina
  18. Quanta creatività, Elettra. Complimenti. Inoltre ho imparato tante nuove cose. Brava, continua così! Baci

    RispondiElimina
  19. I learned a lot today about the history of Italy and I thank you very much!
    The stamps are beautiful and your photos, too!
    Ciao

    RispondiElimina
  20. Great photos - great stamps - great Italia.

    RispondiElimina
  21. Great motives, photos and history!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...